Lista di vini del produttore Azienda Agricola La Masera

“La Masera”

Azienda costituita nel 2005 a Settimo Rottaro, da un gruppo di amici Alessandro, Gian Carlo, Davide, Sergio, Marco e Barbara, con il desiderio di far rivivere la produzione dell’ Erbaluce Passito, che si narra nato proprio dalle mani sapienti dei contadini di queste terre.

“La Masera”

Azienda costituita nel 2005 a Settimo Rottaro, da un gruppo di amici Alessandro, Gian Carlo, Davide, Sergio, Marco e Barbara, con il desiderio di far rivivere la produzione dell’ Erbaluce Passito, che si narra nato proprio dalle mani sapienti dei contadini di queste terre.


bottiglie_la_masera


La scelta del nome è significativa di uno dei valori che maggiormente la caratterizza: il forte legame con il territorio e la sua autenticità.


Infatti, “masere” è l’appellativo locale che si usa per indicare i grossi muri di pietra che demarcano i campi, esattamente come quello che sostiene nel suo terrazzamento il primo terreno acquistato per avviare la produzione di Erbaluce.


vigneto_erbaluce_la_masera


La Masera, circa 5 ettari di superficie vitata, situati nei comuni di Settimo Rottaro, Azeglio e Piverone, tra le colline dell'Anfiteatro morenico di Ivrea, in provincia di Torino, nell’area del Nord del Piemonte denominata Canavese: zona tipica del vitigno Erbaluce, che su queste colline trova la sua massima espressione qualitativa.


I Vitigni
Impianti, a pergola ed a filari, sono compresi nella delimitazione per la Denominazione di Origine Controllata Geografica dell’Erbaluce di Caluso; la vinificazione è realizzata in proprio, in una cantina professionale ubicata a Piverone, in provincia di Torino.
I vitigni a dimora sono: Erbaluce (autoctono canavesano), Barbera, Freisa, Vespolina, Neretto, Nebbiolo. Il vino principale è l' Erbaluce D.O.C.G., che, mediante accurati procedimenti di lavorazione, viene declinato nelle tre varianti di “fermo”, “bollicine” e “passito”.
Vengono anche prodotti alcuni vini rossi D.O.C., di cui due in purezza, il Canavese Barbera ed il Canavese Nebbiolo e due, il Canavese Rosso ed il Canavese Rosato, ottenuti da vitigni differenti: Nebbiolo, Barbera, Bonarda Freisa, Neretto, da soli o congiuntamente (minimo 60%). Completa il quadro della produzione lo spumante metodo classico rosé.



Il territorio  canavese “canavèis”


canavese_territorio


Durante il quaternario, nel corso dell’ultimo milione di anni, l’immenso ghiacciaio Balteo, discendendo dalla vicina Valle d’Aosta con un susseguirsi di glaciazioni definite "pulsazioni", ha plasmato lo splendido Anfiteatro Morenico di Ivrea, trascinando e portando con sé foreste, limo, rocce e detriti verso la piana eporediese e creando, in tal modo, ai bordi di questa, una "barriera" collinare denominata Serra.
Proprio sulle pendici di queste colline arcaiche, forgiate dalla forza del ghiaccio e della natura, sorgono i vigneti de La Masera, che traggono la loro specificità e unicità proprio dalla magica composizione del terreno così formatosi.
Sullo sfondo, il lago di Viverone, nato nelle stesse modalità, la cui presenza caratterizza in maniera importante le fasi della vendemmia, influenzando temperatura e umidità a cui è sottoposta l’uva: il fresco della notte, che ha effetti sorprendenti sui profumi del futuro vino, e l’azione delle nebbie mattutine, che avvolgono i grappoli e li proteggono per poi dileguarsi a tempo debito e permettere al sole di regalare la giusta dolcezza.
Una visita alle zone di produzione può quindi riservare piacevoli sorprese nello scoprire territori naturali ancora integri, gradevolmente percorribili a piedi, a cavallo o in bicicletta con l’intera famiglia, o con gli amici, per trascorrere una giornata all’aria aperta in uno scenario unico al mondo...



Storie e leggende


miti_leggende


ERBALUCE: UN VITIGNO AUTOCTONO


Fin dall’antichità, il vitigno autoctono dell’Erbaluce veniva coltivato sulle ripide pendici collinari dell’area incorniciata dall’Anfiteatro Morenico di Ivrea, agevolato da un terroir unico e irripetibile. Si fa risalire la prima produzione già intorno all’anno mille, quando pare fosse forte la richiesta del cosiddetto “vino greco” ricco di alcol, dolce e fortemente aromatico. Sin da allora sensibili alle richieste del mercato, i vignaioli piemontesi iniziarono a coltivare una serie di nuovi vitigni definiti “greci”, tra i quali si riscontra appunto l’Erbaluce. Al di là delle suggestioni - più o meno fantasiose - già nel 1500 Sante Lancerio, bottigliere del Papa, segnalava il vino ottenuto da tali uve. Risale al 1606 questa affermazione di tale G.B. Croce, gioielliere di Sua Altezza il Duca Carlo Emanuele I, estrapolata da un’operetta dal titolo: “Della eccellenza e diversità de i vini che nella montagna di Torino si fanno e del modo di farli”: “Elbalus è uva bianca così detta, come albaluce, perché biancheggiando risplende: fa li grani rotondi, folti e copiosi, ha il guscio, o sia, la scorza dura: matura diviene rostita, e colorita, e si mantiene in su la pianta assai: è buona da mangiare, e a questo fine si conserva: fa i vini buoni, e stomacali.” Nel 1833, Lorenzo Francesco Gatta nel “Saggio intorno alle viti ed ai vini della provincia d’Ivrea”, scriveva:


“I vini bianchi di alcune terre di questa provincia sono pure pregiati; e tali specialmente sono quelli di Settimo Rottaro, Caluso, Orio e Lessolo, che, ben fatti, hanno un colore di paglia, son sottili, spiritosi e tendenti al dolce. In questi quattro paesi se ne fa un oggetto di speculazione, e si vende, di ordinario, il decuplo del nero. Conservate, ed appassite sulle stuoje o sulla paglia le uve sino al febbrajo o marzo, si pigiano, se ne spreme il mosto mediante il torchio, e messolo in botti fortissime turate a forza, si lascia fermentare a poco a poco per assai lungo tempo, quindi si travasa in altra botte, o s’imbottiglia, né si beve che all’età di tre anni: esso è molto serbatojo. L’uva bianca più estesa, e che s’impiega unicamente alla fabbricazione degli accennati vini di Caluso, Orio, Settimo-Rottaro, Lessolo, si è l’erbalus, che a Caluso viene pure indicata col nome di bianc-roustì, uva roustia (uva arrostita)”.

E’ di epoca molto più recente il riconoscimento per l’Erbaluce della Denominazione di Origine Controllata, istituito con decreto del luglio1967 : il comprensorio di produzione comprende 36 comuni dei quali 32 in provincia di Torino ed i restanti nelle province di Biella e Vercelli. Nel 2010, tale riconoscimento viene esteso con la tutela della Denominazione di Origine Controllata e Geografica (D.O.C.G.) dei vini.

More
Showing 1 - 4 of 4 items
Showing 1 - 4 of 4 items

I più venduti

Informazioni

Produttori

Speciali

I nostri negozi

I nostri negozi

Prossime aperture

Fornitori

Nessun fornitore

Tags